COLPOSCOPIA

La colposcopia, o esame bioptico, si esegue per diagnosticare le patologie a carico del tratto genitale quando l'esito del Paptest risulta sospetto, allo scopo di indirizzare correttamente le scelte terapeutiche. Consiste nell'ispezione delle mucose della vagina e del collo dell'utero mediante l'ausilio di un microscopio (colposcopio) che permette una visione chiara e ingrandita dei tessuti  e si analizza la reazione degli stessi all'applicazione di un prodotto apposito. Durante l'esame è possibile che il ginecologo effettui un prelievo di cellule (biopsia). Esso può risultare leggermente fastidioso e talvolta la sensazione di fastidio può durare alcuni giorni; in alcuni casi potrebbero verificarsi lievissime perdite ematiche che non devono destare preoccupazioni. Nel caso in cui il sanguinamento fosse abbondante è necessario contattare il ginecologo senza esitazioni.


Come prepararsi

Per non interferire con gli esiti dell'esame è necessario:

- Essere tra la 9° e 18° giornata del ciclo mestruale

- astenersi da rapporti sessuali nei 3 giorni che precedono il prelievo

- non usare pomate, ovuli, candelette e lavande interne nei 5 giorni precedenti il prelievo