ALLERGOLOGIA

Il glutine è una proteina presente in alcuni cereali (frumento, orzo, segale). In alcuni soggetti, l'ingestione di glutine provoca una serie di disturbi, rappresentati essenzialmente dalla celiachia. Noto anche come intolleranza al glutine, è una patologia autoimmune che insorge soprattutto nell'infanzia, spesso qualche mese dopo l'introduzione del glutine nell'alimentazione. Normalmente la mucosa dell'intestino è formata da estroflessioni (i villi) che hanno il compito di assorbire le sostanze nutritive; nei soggetti che sono affetti da celiachia e che nell'alimentazione assumono glutine (perchè es. non sanno di essere celiaci), l'organismo sviluppa anticorpi contro la gliadina, uno dei componenti del glutine. Questi anticorpi inducono l'intolleranza alla proteina, in genere danneggiando i villi dell'intestino tenue che si appiattiscono, enon riescono ad assimilare il glutine e i vari nutrienti (zuccheri, vitamine, proteine). Possono quindi conseguire diarrea cronica e un malassorbimento di nutrienti che possono portare ad anemia, ritardo della crescita, carenza di vitamine, turbe del metabolismo del fosfato di calcio ecc. Esistono tuttavia anche forme caratterizzate da pochi sintomi o asintomatiche, che vengono diagnosticate in età  adulta. La conferma della diagnosi si basa su un prelievo di sangue e di saliva  per ricercare la presenza di anticorpi specifici ed una biopsia intestinale tramite endoscopia per prelevare del tessuto che andrà  poi analizzato per confermare il livello di atrofia dei villi. Il trattamento della celiachia consiste in una dieta adeguata: occorre adottare un regime privo di glutine, escludendo quindi la farina di grano, di segale ed orzo e tutti gli alimenti che la contengono (pane, biscotti, pasta). Tale dieta deve essere rigorosamente rispettata per tutta la vita, e conduce a rapidi miglioramenti, quali scomparsa della diarrea in alcuni giorni e ripresa del peso in poche settimane. La ricomparsa dei villi intestinali, più lenta, richiede alcuni mesi; dopo un anno dall'adozione del regime alimentare senza glutine occorre eseguire una biopsia della mucosa intestinale per verificarne il livello.