DIETOLOGIA

Molte malattie trovano nell'alimentazione la loro più importante causa. Oltre all'obesità  e il sovrappeso, anche il diabete, l'ipertensione arteriosa, l'ipercolesterolemia, la cardiopatia ischemica, per citare le più importanti e frequenti, hanno nello stile di vita una componente fondamentale. L'alimentazione inoltre, ha una rilevanza socio-culturale senza precedenti. Di cibo parlano tutti, dalla televisione ai giornali, dai libri scientifici a quelli divulgativi, dai giovani ai vecchi, dagli specialisti alla gente comune. Tutti hanno soluzioni da proporre. In nessun altro campo esistono così tante soluzioni proposte, a fronte di così scarsi risultati ottenuti. L'obesità , infatti, è in costante e progressivo aumento in tutto il mondo occidentale, come pure il diabete e le ipercolesterolemie. Occorre intraprendere uno stile di vita in linea con la dieta mediterranea, recuperando misura, cultura e tradizioni. La piramide di cibi (o piramide alimentare) è un utile strumento per fare da guida al consumo dei cibi ed alla preparazione dei pasti. Essa ha comune di cibi in base al loro contenuto nutrizionale e si divide in cinque gruppi. Gli alimenti che si trovano alla base della piramide devono essere gli alimenti più rappresentati, in termini di quantità  e di frequenza all'interno della giornata alimentare. più si sale nella piramide più è necessario limitare la quantità  e la frequenza del consumo dei cibi rappresentati, fino al vertice dove si trovano grassi e zuccheri il cui utilizzo dovrebbe essere molto controllato in termini di quantità  e frequenza. Il numero delle porzioni consigliate si riferisce ad un apporto calorico giornaliero di circa 1800-2000 cal, ed è quindi da tener presente che il numero delle porzioni può variare in base all'apporto calorico richiesto. Il 1° gruppo alla base della piramide comprende cereali e tuberi (pane, pasta, riso, grano, orzo, polenta, fette biscottate, patate). In termini nutrizionali gli elementi di questo gruppo sono ricchi in carboidrati complessi, proteine di bassa qualità  biologica, alcune vitamine e sali minerali. Per un'alimentazione equilibrata si consiglia di consumare almeno cinque porzioni di questi alimenti nella giornata. 2° gruppo: è rappresentato da frutta e verdura; in termini nutrizionali gli alimenti di questo gruppo sono ricchi di zuccheri semplici, vitamine, sali minerali, fibra e acqua. Un'alimentazione equilibrata consiglia il consumo di cinque porzioni di questi alimenti nella giornata. 3° gruppo: comprende latte e derivati (formaggi, latticini, yogurt). In termini nutrizionali questi alimenti sono ricchi di calcio (importante per la formazione e il mantenimento del tessuto osseo). Contengono proteine di elevato valore biologico,  zucchero semplice, vitamine (A e D). Gli elementi di questo gruppo, in particolare i formaggi, hanno un elevato contenuto in grassi di tipo saturo. Per questo un'alimentazione equilibrata prevede il consumo giornaliero di tre porzioni di questi alimenti. 4° gruppo: è rappresentato da carne, pesce, legumi, uova, prosciutto. Questi alimenti contengono ottime proteine ad elevato valore biologico, sali minerali (ferro per la carne,  iodio per il pesce), grassi saturi (carne e uova) ma anche grassi insaturi (pesce). I legumi, se associati ai cereali (pasta, riso o pane), possono essere dei validi sostituti della carne, pesce o delle uova. Un'alimentazione equilibrata prevede il consumo di una o due porzioni di alimenti del gruppo, possibilmente diversi tra loro. 5° gruppo: è rappresentato da grassi, olii, zuccheri. Gli alimenti di questo gruppo forniscono, a seconda del tipo di alimento considerato, acidi grassi insaturi (olii), acidi grassi saturi (burro), vitamine (D ed A), zuccheri semplici. Il loro consumo deve essere controllato in termini di quantità  e frequenza perchà© questi alimenti forniscono molte calorie. Tra i condimenti è da preferire il consumo dell'olio extra vergine di oliva. Importante è il ruolo che assume l'acqua che deve essere assunta in abbondanza ogni giorno, al pasto e fuori pasto.


Ulteriori approfondimenti:

GOZZO TIROIDEO

Per gozzo si intende un aumento di volume, spesso visibile, della ghiandola tiroide ed è un'affezione estremamente frequente: ne sono affette, secondo una stima dell'Organizzazione Mondiale[...]