ENDOCRINOLOGIA E DIABETOLOGIA

E' una malattia che si accompagna a gravi complicanze, ma che può essere prevenuta e curata con successo. Uno stile di vita ed una terapia farmacologica correttamente impostata, permettono di evitare le complicanze più gravi. Il diabete è un'affezione cronica caratterizzata da iperglicemia (aumento dei livelli di glucosio nel sangue) e glicosuria (presenza di zuccheri nelle urine). Solitamente l'aumento della glicemia viene tenuto sotto controllo dall'insulina, un ormone secreto dal pancreas, che regola l'assimilazione del glucosio ematico da parte delle cellule. Le forme di diabete mellito sono dovute a un'insufficiente secrezione di insulina o a una diminuzione dei suoi effetti sui tessuti sani. Il diabete di tipo due è una forma di diabete mellito imputabile a una diminuzione degli effetti dell'insulina sulle cellule, determinata in gran misura geneticamente, ma legata al sovrappeso. La patologia insorge in prevalenza in età  adulta, anche se negli ultimi decenni, in rapporto all'aumentata incidenza dell'obesità  infantile, sono diventati più frequenti i riscontri di diabete nell'adolescenza. Oltre all'obesità , i fattori di rischio sono la localizzazione prevalentemente addominale del tessuto adiposo, un'attività  fisica insufficiente e l'esistenza di precedenti familiari della malattia. Al diabete di tipo 2 inoltre sono spesso correlate malattie cardiovascolari, ipertensione arteriosa e ipertrigliceridemia. La presentazione contemporanea di almeno tre di tali affezioni configura la cosiddetta "sindrome metabolica", di importanza rilevante per l'aumentato rischio cardiovascolare che comporta. Spesso il diabete di tipo 2 è asintomatico e viene scoperto in modo del tutto casuale, in conseguenza di un esame clinico o di una complicanza legata alla patologia già  instauratasi, nella maggior parte dei casi una neuropatia (lesione dei nervi periferici), di un'infezione mucocutanea, o in presenza di sintomi di iperglicemia importante come sete intensa, aumento del volume urinario, dimagrimento. La diagnosi si basa sulla misurazione della glicemia a digiuno o dopo i pasti; è frequente la glicosuria, che rispecchia un'iperglicemia marcata. Il trattamento consiste in un regime alimentare equilibrato e nell' attività  fisica regolare. Una perdita di peso spesso consente di normalizzare la glicemia; nel caso questi accorgimenti fossero insufficienti, possono essere somministrati farmaci ipoglicemizzanti. Inoltre vanno trattati anche gli altri fattori di rischio cardiovascolare, renale, neuropatico e angiopatico ("piede diabetico").

Ulteriori approfondimenti:

GOZZO TIROIDEO

Per gozzo si intende un aumento di volume, spesso visibile, della ghiandola tiroide ed è un'affezione estremamente frequente: ne sono affette, secondo una stima dell'Organizzazione Mondiale della[...]

MALATTIE METABOLICHE

Il trattamento delle malattie metaboliche è un insieme di cure che ha l’obiettivo di sanare o alleviare i sintomi provenienti dalla carenza o dall’eccessiva produzione di particolari enzimi[...]