OMEOPATIA

Durante la prima visita il medico omeopata cercherà  soprattutto di avere una panoramica delle vostre condizioni generali di salute. Vi verranno poste molto domande riguardanti i sintomi da voi accusati, i fattori che li influenzano, i precedenti disturbi di cui avete sofferto, l'appetito, le preferenze e le avversioni alimentari, la regolarità  delle funzioni del vostro organismo e via dicendo. Alcune domande, più inconsuete rispetto ad una visita convenzionale, toccheranno il genere di lavoro svolto, le attività  ricreative e lo stato psichico, con l'obiettivo di identificare il tipo costituzionale a voi più vicino. A questo punto, il medico omeopata è in grado di prescrivere un rimedio, che il paziente potrà  richiedere ad un farmacista omeopata, spesso accompagnato da consigli su come cambiare nel modo più opportuno le abitudini alimentari e lo stile di vita. Alla seconda visita, specialmente quando si fa uso di un rimedio costituzionale, l'omeopata interpreterà  la reazione al farmaco e deciderà  come continuare la cura. La durata di un consulto omeopatico può variare, ma la prima visita non dovrebbe occupare meno di 40 minuti. Le visite successive generalmente durano 20 minuti. La frequenza dipende invece dalla gravità  della malattia e della sua persistenza.


Ulteriori approfondimenti:

SALUTE E STILE DI VITA

Sebbene la predisposizione genetica giochi un ruolo nel determinare una malattia, anche il modo in cui viviamo può prevenire, causare o aggravare un disturbo. Ecco perchà© gli omeopati, prima di[...]