OTORINOLARINGOIATRIA

L'otite è un'infiammazione delle calamità  dell'orecchio medio, della mucosa che riveste e del timpano. Le otiti possono essere acute, subacute o  croniche, a seconda della loro evoluzione. L'otite acuta è un'infiammazione dovuta all'infezione batterica (pneumococco, a Haemophilus, streptococco, stafilococco), talvolta virale, che colpisce generalmente i bambini di età  compresa tra i sei mesi di due anni, soprattutto se vivono in collettività . L'infezione si propaga all'orecchio attraverso la tuba di Eustachio. L'otite acuta provoca un dolore violento all'orecchio, associato a febbre (generalmente intorno a 38,5°C) e talvolta vomito. Nel lattante si manifesta con pianto, disturbi digestivi, inappetenza. In assenza di trattamento, la malattia a quattro stadi: otite congestizia, con semplice arrossamento del timpano; otite catarrale, in cui il timpano si presenta liscio e opaco; otite purulenta, in cui il timpano appare bombato per la presenza di pus all'interno della cassa timpanica; otite perforata, in cui una perforazione del timpano lascia defluire all'esterno materiale purulento. Le complicanze dell'otite acuta non trattata, oggi rare, sono l'estensione dell'infezione alla mastoide (osso situato dietro l'orecchio), al labirinto (orecchio interno) e alle meningi oppure nervo facciale, con relativa paralisi. Se un bambino lamenta male all'orecchio o a una febbre che non accenna a diminuire, è necessario recarsi senza indugio dallo specialista. Il trattamento si basa sulla somministrazione di antibiotici, antiinfiammatori, analgesici, che possono essere associata a paracentesi, ossia a perforazione chirurgica del timpano quando appare molto bombato. Otite subacuta: in genere si tratta di un'otite sierosa, infiammazione dell'orecchio accompagnato da un versamento di liquido (non purulento) per il cattivo funzionamento della tuba di Eustachio. Si manifesta con otiti acute a ripetizione o diminuzione dell'udito (che costituisce la prima causa dei deficit uditivi nel bambino). La diagnosi si basa sull'otoscopia (esame del condotto uditivo esterno e il timpano); la riduzione dell'udito è testimoniato dall'audiogramma.  Il trattamento, non semplice, consiste a seconda dei casi, nella somministrazione di antibiotici, nell'asportazione delle adenoidi, nel drenaggio transtimpanico o eventualmente nelle cure termali.


Ulteriori approfondimenti:

LA RINITE CRONICA ALLERGICA E NON ALLERGICA

La rinite è un'infiammazione della mucosa delle fosse nasali. Ne esistono due forme: quella acuta, comunemente chiamata raffreddore o corizza, e quella cronica, che può avere anche natura[...]